IL TAR rigetta il ricorso DAS e fra gli amministratori scoppia la festa dell'ipocrisia