A proposito di scemenze

 

Al Direttore del Quotidiano Calabria Ora
Spezzano Albanese, 16 Aprile 2012

 

All’interno dell’articolo a firma di Marco Cribari “Arrestato Presta, la sua ombra sulla strage di San Lorenzo”, pubblicato su Calabria Ora del 14 aprile 2012, nel leggere la frase “Spezzano Albanese, paesotto noto per la presenza di un agguerrito gruppo anarchico, uno degli ultimi ancora attivi in Italia.”, posta per l’esattezza all’inizio del paragrafo con titolo “Il peccato originale”, siamo rimasti letteralmente esterrefatti. La domanda che ci è sorta spontanea è: a che cosa è dovuto questo senza dubbio infelice accostamento, pur se indiretto, tra l’argomento dell’articolo e l’attività sociale dell’anarchismo spezzanese?
A una mera e aperta provocazione? a una mera ignoranza? all’imbecillaggine con finalità diffamatorie di un certo giornalismo da strapazzo?
A immischiare, come in gergo popolare si dice, capre e cavoli, non rende di certo un buon servizio pubblico.
Al pari di come non offre nessun contributo alla verità storica il dare vita con la penna ad artefatte allusioni tra mondi con idee ed azioni diametralmente opposti: a meno che non si nutra l’illusione da parte di chi opera in tal senso di trasportare nel mondo reale le confusioni mentali che magari appartengono come accozzaglia informe solo a chi le coltiva nella propria interiorità.
Uscire con affermazioni gratuite e tendenziose su movimenti, quali l’anarchismo, che hanno determinato ed ancora determinano la storia delle idee e delle azioni per una società egualitaria, non è di certo professionale. E leggere tali affermazioni su Calabria Ora, quotidiano che a dire il vero, grazie ai resoconti ed agli articoli curati da Giuseppe Montone (cronista territoriale), ha sempre ospitato in maniera alquanto obiettiva la cronaca dell’attivismo sociale dell’anarchismo spezzanese, tutto proteso a costruire reali spazi pubblici di democrazia diretta, amiamo ripetere che ci ha veramente lasciati increduli. Riteniamo che Marco Cribari abbia avuto modo di leggerli tali resoconti ed articoli, pertanto da “agguerrito gruppo anarchico“, come egli stesso ha amato definirci, proprio non riusciamo a digerire le sue allusive affermazioni in merito.
Chi proprio vuole interessarsi dell’anarchismo spezzanese non gli resta che scomodarsi e venire a Spezzano, così si renderà conto di persona del ruolo che ricoprono in paese le idee e le azioni sociali degli anarchici e dei libertari. Così come, chi vuole realmente interessarsi del ruolo che gli anarchici ricoprono sul territorio nazionale non gli resta che farsi un giro tra le realtà di lotta oggi presenti in Italia (mondo del lavoro, Notav, Ambiente, antimilitarismo, immigrazione, ecc.), e sicuramente eviterà di continuare a scrivere scemenze tipo che gli anarchici spezzanesi sono “gli ultimi ancora attivi in Italia”.
Il presente comunicato, pubblicamente postato nel sito www.anarchia.info (portale delle strutture anarchice e libertarie di Spezzano Albanese- CS), si auspica che possa trovare ospitalità sulle pagine di Calabria Ora.

 

FASpixana -Federazione Anarchica “Spixana”aderente alla FAI – Federazione Anarchica Italiana
Federazione Municipale di Base di Spezzano Albanese

 

Il testo dell'articolo citato: vai