Falò di rifiuti tossici in zona Costantinopoli

Questo articolo è associato ad una galleria fotografica (vedi)

 

Un anno fa, in questo stesso periodo, i falò di rifiuti interessavano strada Covella, ma dalla primavera di quest’anno sono stati ubicati nel piazzale a fianco del cimitero.

Evidentemente, a qualcuno la strada Covella risultava scomoda, perché troppo in periferia e i falò sono stati spostati in un posto più comodo, nel piazzale a fianco del cimitero, a due passi dal sito indicato dagli amministratori come luogo per la costruenda isola ecologica. A bruciare c’è di tutto e di più:

televisori, computer, frigo, lavatrici, batterie, gomme auto, plastica, amianto, materassi, sedie e cattedre scolastiche (etc.), tutti nascosti sotto rami ed erbe utili per appiccare un fuoco che offende i morti ed avvelena i vivi.

L’ultimo falò in ordine di tempo, documentato dalle fotografie [vedi] allegate al presente Comunicato Pubblico, si è consumato nel caldo pomeriggio del 23 giugno 2011.

Possibile che gli amministratori non si siano accorti dell’incendio di rifiuti tossici che già per più volte si è consumato di fronte al loro palazzo di potere? Se sì, perché non si sono ancora espressi in merito?

Non vorremmo che pur accorgendosene l’abbiano salutato come  manna caduta dal cielo protesa a diminuire il costo dello smaltimento?

Ma qualora fossero veramente in preda a simili barbari e osceni pensieri (ossia che a liberarci dai rifiuti speciali e pericolosi dovrà pensarci il fuoco), a che pro hanno predisposto nel bilancio preventivo l’aumento della tassa RSU?

A cosa serviranno queste maggiori entrate? A far proliferare i falò?

A costringere i cittadini a pagare i veleni emanati dalle fumate tossiche e cancerogene?

Attendiamo risposta!!!

 

Cittadini

 

La nostra Spezzano, tutta circondata da rifiuti e liquami cancerogeni (PERCOLATO!), è ormai diventata una vera e propria polveriera che può scoppiare in qualsiasi  momento.

Lo avevamo documentato di già a suo tempo con foto postate nel presente sito [Vedi].

Oggi la situazione è peggiorata, e ve la documenteremo con le ultime foto scattate che a giorni posteremo nel presente sito, oltre a portarle in Piazza attraverso un’apposita iniziativa.

 

Non lasciamoci avvelenare!

Mandiamo a casa gli avvelenatori!

Mobilitiamoci per la raccolta differenziata porta a porta!

Autogoverniamo la nostra Spezzano!

 

Spezzano Albanese

FMB - FEDERAZIONE MUNICIPALE DI BASE

Via U. Boccioni, 13 – Spezzano Albanese