Amministratori e City net continuano ad avvelenare con il percolato l’intera comunità

 

Ora basta! Passiamo all'azione diretta!

 

L'articolo è assocciata ad una galleria di immagini. (Clicca qui.)

04/10/2011: Aggiornate foto

 

Nonostante le plurime denunce pubbliche con tanto di foto, effettuate dalla Faspixana e dalla FMB e l’ultima denuncia del Comitato Popolare “Autogestione”, pubblicamente resa nel corso dell’Assemblea del 23 settembre nell’aula consiliare, Amministratori e City Net perseverano senza pudore alcuno ad avvelenare il paese col liquame di percolato.

Chiunque voglia documentarsi in merito basta che visiti il presente sito.

In data 18 luglio 2011 nel suddetto portale è stato reso pubblico un reportage di foto che, evidenziando le macchie nere accanto ai cassonetti dell’immondizia, documenta come il percolato viene quotidianamente disseminato per le strade del nostro paese.

OGGI, GRAZIE ALL’INFORMAZIONE RICEVUTA DALLA VIGILANZA AMBIENTALE DI ALCUNI CITTADINI, NELLO STESSO SITO (www.anarchia.info), ACCANTO AL REPORTAGE PRECEDENTE, quale documentazione del presente comunicato, trovate un ulteriore reportage di foto, scattate in data odierna nel piazzale Costantinopoli a fianco del cimitero (luogo di già noto alla comunità per i falò estivi di rifiuti tossici più volte denunciati dalla Faspixana e dalla FMB), che testimonia in maniera lampante dove e come la City Net si libera del rimanente percolato che non è riuscita con il suo camion dal fondale bucato (?) a disseminare per le vie del paese.

Riteniamo che il sindaco, da medico quale è per professione, dovrebbe ben conoscere la pericolosità del percolato?

O no? A meno che, calpestando la sua stessa scienza medica, non voglia convincerci che il percolato era pericoloso quando ad amministrare erano altri, ed oggi non lo è più perché ad amministrare è la sua amministrazione.

Gli attuali amministratori sappiano che la comunità di Spezzano, la quale si è fortemente battuta contro la precedente amministrazione, quando quest’ultima, intendeva procedere all’autorizzazione del depuratore dei veleni, tra cui il percolato, non accetterà in maniera supina che oggi il percolato continui ad essere disseminato per le strade del paese e nel piazzale Costantinopoli!

La Faspixana e la FMB, in sintonia con quanto attualmente sostiene anche il Comitato popolare “Autogestione”, ben consapevoli dell’alto tasso cancerogeno del percolato:

invitano coloro che in piena campagna elettorale hanno sbandierato ai quattro venti che avrebbero fatto di Spezzano un giardino dell’eden, che oggi si attrezzino, in qualità di amministratori in carica, a far immediatamente cessare questo scandalo, dannosissimo per la salute pubblica e l’ambiente, confrontandosi in un apposito incontro pubblico con la comunità e denunciando altresì pubblicamente l’operato della City Net, la quale oltre ad avvelenare la comunità col percolato sfrutta i lavoratori, mal li remunera per il servizio svolto e li costringe a lavorare in nero;

si impegnano (Faspixana e FMB) ad esporre alle deputate organizzazioni sanitarie, con apposito e documentato dossier, la pubblica denuncia contenuta nel presente comunicato;

si appellano a tutta la comunità a tenersi pronta alla mobilitazione popolare.

Di fronte al pericolo che il paese muoia di percolato, solo perché a volerlo sono degli amministratori che pensano semplicemente a come tenersi salde le loro poltrone, è certamente meglio che cessi politicamente di esistere l’attuale amministrazione.

 

Faspixana – FMB