Se un'idea non sembra inizialmente assurda, allora è senza speranza.
(A. Einstein)

CONTRO IL MERCATO ELETTORALE

ASTENSIONISMO E AZIONE DIRETTA

Le liste saranno 3, 4, 5, 6, 7? Ancora non è dato saperlo.

I vari personaggi che oggi vediamo ammucchiati in ammiccamenti e scontri, ognuno attento alle mosse dell’altro, con l’obiettivo di occupare la sindaco-poltrona, di sicuro porteranno avanti il tira e molla di eventuali alleanze o rotture sino all’ultimo momento. Poi una volta definite e presentate le liste ognuno griderà dal proprio palco che è sceso in campo per il bene del paese e dirà peste e corna degli altri candidati a sindaco con i quali ha fino a ieri ammiccato. Dirà che è alternativo a tutti gli altri ma parlerà lo stesso linguaggio, magari con sfumature diverse, a proposito di promesse di lavoro, di partecipazione democratica, di trasparenza amministrativa, di risoluzione delle problematiche territoriali, etc.

Costruiamo l'autogoverno del territorio

Assemblea pubblica a Niscemi

Sabato 7 Dicembre – ore 17.30
Biblioteca Comunale di Niscemi (CL)

Incontro/assemblea pubblica sulle lotte territoriali come laboratori di autogestione e partecipazione; sull’alternativa offerta dal municipalismo di base nel segno dell’autodeterminazione.

Interverrà Domenico Liguori della FMB (Federazione Municipale di Base) di Spezzano Albanese (Cosenza).

Riuscirà l’ironia a distruggere il potere?

Farsa in due atti, personaggi: Ran-Maghello, Sputal’acqua, uno scribacchino e Nezvinoc

Il riferimento a fatti e persone non è del tutto casuale. Caccia all’indovinello, dunque!

 

Introduzione

Chi ha detto che 1 più 1 fanno ovunque 2? Ad esempio, al paesino Vallone di Laurenzello fanno 3.

Si, verissimo, in questo minuscolo paese 1 più 1 fanno 3, ma intendiamoci non per vox populi, bensì per vis legis. Non ci credete?

Abbiate la pazienza di leggere quanto segue, e poi vedremo se avrete la forza di controbattere l’evidenza dei fatti che vi troverete raccontati.

 

Primo Atto

È ormai da circa dieci anni che il paese di Vallone di Laurenzello è governato da un sindaco che vive nell’angoscia che altri possano contrastarlo sulle maialate che quotidianamente impone alla comunità.